ANIMA E CORPO

yoga bianca.png

ginnastica dolce

Risveglio muscolare per meno giovani, lavoro mirato per una maggior flessibilità e il mantenimento della densità ossea.

Istruttori: Matteo Grassi, Nicolò Dagna

pilates

Il Pilates ha lo scopo di rafforzare il corpo senza aumentare eccessivamente la massa muscolare, di sviluppare fluidità e precisione dei movimenti, di migliorare o correggere la postura con un lavoro centrato sulle regioni addominale e dorsale.
Cristina Piana

pilates MATWORK

Il Pilates MatWork è un metodo di Pilates che prevede unicamente esercizi a corpo libero da svolgersi, come indica il titolo, su di un tappetino e senza l’ausilio di macchinari. L’invenzione del Pilates MatWork si deve, come tutto il metodo Pilates, a Joseph Hubertus Pilates, che assegnava esercizi aggiuntivi da svolgersi senza l’ausilio delle macchine di sua invenzione. Il Pilates MatWork Va ad agire sui muscoli posturali, con l’obiettivo di favorire un maggiore bilanciamento del corpo e aumentare il supporto della muscolatura alla colonna vertebrale. Cristina Piana

yoga

Lo yoga è una disciplina di origine orientale, in grado di apportare benessere e benefici alla salute di corpo, mente e spirito, tramite l’esecuzione di esercizi fisici, di meditazione e di respirazione.
La parola “yoga” deriva dal sanscrito “yug”, che vuol dire “legare insieme”, “unire”, “concentrare l’attenzione” e “applicare”, ma ha soprattutto il significato di unione: l’unione, quindi, di tutte le parti del nostro essere, ovvero di corpo, mente e spirito, le quali devono essere in perfetto equilibrio tra loro.
Sono davvero tante le forme di yoga esistenti, ognuna delle quali vanta delle proprie caratteristiche: lo yoga si basa, infatti, sul mantenimento di determinate posizioni – conosciute come Asana – sul controllo del respiro – detto Pranayama – e sul dominio della mente.
A cosa serve, dunque, lo yoga? Lo yoga è una pratica in grado di donare una sensazione di benessere a 360 gradi unica nel suo genere: gli esercizi che lo riguardano riescono ad attivare tutti i muscoli del corpo; la staticità delle posizioni permette di avere controllo sulla profondità e sulla frequenza del respiro; mentre, la lentezza dei movimenti e il silenzio favoriscono il rilassamento, migliorando la consapevolezza di sé.
Davide Delise

stretching

La parola stretching è un termine che proviene dal verbo inglese 'to stretch' che in italiano significa allungare. È una metodica che consiste nell'allungamento muscolare e nella mobilizzazione delle articolazioni attraverso l'esecuzione di esercizi di stiramento, semplici o complessi, allo scopo di mantenere il corpo in un buono stato di forma.
Gli esercizi di stretching sollecitano, oltre alle fibre muscolari, il tessuto connettivo (tendini, fasce ecc.) presente nella struttura contrattile. Il Tessuto connettivo è estensibile (può essere allungato), ma se non viene regolarmente sollecitato con l'esercizio fisico, in breve tempo perde questa caratteristica essenziale.
Parlando di stretching è anche d'obbligo parlare della mobilità articolare (conosciuta anche come: articolarità, flessibilità, estensibilità, ecc.): è la capacità di compiere movimenti ampi e al massimo della estensione fisiologica consentita dalle articolazioni.
Istruttore Nicolò Dagna.